Perché il Tango Argentino fa davvero bene alla salute

Il ballo fa bene, lo sanno tutti. Ma perché il tango argentino e’ un vero toccasana per corpo, mente e spirito? La risposta è da ricercare nelle sue origini.

Il tango ha origini popolari, nasce nei primi del ‘900 dalla necessità di integrazione sociale, di contatto fisico, di relazione con gli altri. La sua essenza è dunque quella della danza sociale, in cui i movimenti nascono dalla naturalezza, ma soprattutto dove l’abbraccio e la percezione di se e dell’altro rappresentano i fattori primari da cui nasce ogni passo. Lo sviluppo tecnico che il tango ha ottenuto negli anni è sempre rimasto legato a questi principi fondamentali, ricercando l’apprendimento dei movimenti nel rispetto delle attitudini e delle caratteristiche di ciascuno, senza mai assumere “tecnicismi” che risultino una forzatura per il corpo.

Fatta questa premessa, si può certamente affermare che il tango stimola il corpo a 360°, attivandolo dalla testa ai piedi, ma sono molteplici anche i benefici sia a livello mentale che emotivo. Scopriamo insieme tutti i vantaggi di ballare tango argentino:

1. Migliora la postura. Nel tango tutti i movimenti nascono dall’abbraccio, di conseguenza dall’utilizzo del tronco. E’ quindi fondamentale l’attivazione profonda e controllata dei muscoli del dorso, della schiena e della fascia addominale. Il miglioramento del tono muscolare e della percezione del proprio corpo sono la base dello sviluppo di una corretta postura nella vita quotidiana. Inoltre, le gambe sono il motore di ogni passo di ballo; si ottiene quindi un buon rinforzo muscolare e si stimolano l’equilibrio e la stabilità.

2. Migliora l’elasticità. Le dinamiche che si utilizzano stimolano la dissociazione dei movimenti del busto rispetto a quelli delle gambe, una caratteristica fondamentale di questo ballo. Si ottiene un miglioramento della torsione e un’aumento dei gradi di rotazione delle vertebre, rendendo quindi il tronco più elastico e la schiena più forte.

3. Permette di dedicarci ad una parte del nostro corpo spesso dimenticata: i piedi. Nel tango si cammina accarezzando il pavimento e si utilizzano i piedi per “disegnare” la musica, come se fossero dei pennelli su una tela. Si impara ad utilizzare bene l’appoggio plantare per trovare stabilità, si rinforzano le caviglie e si acquisisce una camminata armoniosa, sicura ed elegante.

4. Elimina lo stress. Il tango è un ballo di improvvisazione, dove la connessione è talmente profonda da far in modo che, mentre balliamo, siamo totalmente concentrati sul presente. In ascolto di noi stessi e del nostro partner, seguendo il flusso della musica, mentre si balla si gode del momento ed e’ impossibile preoccuparsi di altro.

5. Migliora la memoria e l’acutezza mentale. Nel tango non ci sono schemi obbligati. Ogni passo è libero da sequenze preconfezionate, facendo in modo che l’improvvisazione sia l’essenza stessa di questo ballo. L’uomo e la donna creano un feeling profondo ascoltandosi a vicenda e sentendo la musica; in questo contesto la mente riceve continuamente stimolazioni sensoriali che ispirano i ballerini nella loro creatività, sulla base del proprio repertorio di movimenti e della propria sensibilità musicale.

6. Aumenta l’energia e la vitalità. Ballare fa produrre al corpo endorfine, di conseguenza migliora l’umore e l’energia vitale. Inoltre, uno studio italiano ha dimostrato che, persone con insufficienza cardiaca che praticano il ballo come attività fisica, migliorano la salute cardiaca maggiormente rispetto a chi va in bicicletta o utilizza il tapis roulant. Se praticato con costanza il tango aiuta quindi a mantenersi in forma divertendosi!

Articolo di: Benvegnù Elisa e Palantone Donatello

3 commenti su “Perché il Tango Argentino fa davvero bene alla salute”

  1. Che cosa aggiungere ….e l’unica cosa che ti fa completamente staccare dai pensieri…e quindi diventa fonte di energia positiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *